Imballaggi: il packaging deve essere solidale.

18.02.2019
||

L’Unione Nazionale Consumatori ha reso disponibile una guida per far conoscere da vicino il packaging e sfatare, al tempo stesso, false credenze

Nella guida, realizzata in collaborazione con l’Istituto Italiano Imballaggio, vengono date risposte, precise e dettagliate, sul mondo del packaging e del riciclo. Dopo una breve presentazione del packaging e delle sue funzioni, ci si addentra analizzando le fake news più diffuse per poi soffermarsi sulle 10 regole della “Carta etica del packaging”. Vengono date risposte, infine, su come il packaging possa essere utile nel combattere lo spreco alimentare e quindi aiutare l’ambiente.

“Sentiamo parlare sempre più spesso di sostenibilità – dichiara Massimiliano Dona, Presidente dell’UNC – un argomento che sembra attrarre in modo crescente i consumatori, interessati ogni giorno di più ad acquistare prodotti non solo di qualità, ma anche rispettosi dell’ecosistema. Non sorprende allora sapere che una delle domande che ci sentiamo rivolgere agli sportelli dell’Unione Nazionale Consumatori riguardi l’imballaggio dei prodotti: ‘Il packaging serve davvero?’” 

Dunque, proprio per rispondere al quesito “è maturata l’idea” con ” l’obiettivo di chiarire – prosegue Dona – a cosa serva la confezione di un prodotto, quali sono le fake news più diffuse e quali le responsabilità dell’intera filiera, dal progettista fino ad arrivare all’utilizzatore finale, per evitare gli eccessi dell’over-packaging e puntare piuttosto a imballaggi ‘intelligenti’, progettati secondo un principio di riciclabilità”. 

“Il nostro Istituto – dichiara Marco Sachet, direttore dell’Istituto Italiano Imballaggio – ha trovato nell’Unione Nazionale Consumatori un interlocutore che ha condiviso l’importanza di offrire una informazione tecnico-scientifica sul packaging ai suoi associati e più in generale all’intero pubblico dei cittadini/fruitori/consumatori.” 

“Il packaging ha una ripercussione su un’intera comunità e per questa ragione ha una responsabilità sociale – si legge nel documento – ed è proprio di questo principio che i designer devono essere consapevoli nel momento in cui si trovano a progettare un packaging.”
In un latro punto si sottolinea che “L’imballaggio deve garantire l’accessibilità al prodotto anche ai soggetti più deboli indipendentemente dalle abilità sensoriali degli utenti. Il packaging deve essere progettato per facilitare la comunicazione anche con questi utenti; deve essere semplice, intuitivo e favorire l’uso e il consumo del prodotto”.
Insomma, un packaging anche solidale.

Comments are closed.